Rutgen Ferdinand Scheibengrofen

Description:
Bio:

Rutgen Ferdinand Scheibengrofen, Marchese di Lochrafurt, vassallo del Conte Elettore dell’Talabecland il Gran Duca e Magravio dell’Est Helmut Goran Achberg Kassel. Nato il 2436 F.I. da Rutgen Albrecht Scheibengrofen II e Erzabeth di Priestlicheim, Primo del suo nome. L’attuale Marchese di Lochrafurt è un uomo introverso e taciturno, nella sua giovinezza si era schierato con i Vassalli della Lega di Obelheim sostenendo una politica anti-Imperiale a favore dell’autonomia del Regno del Talabecland. A seguito della terribile sconfitta del fiume Egger, è stato costretto a prestare servizio presso il Contingente di Spedizione della III Guerra Kislevita, sotto il comando del Gran Duca Helmut Kassel, oltre a pagare un ingente quantità d’oro, argento e pietre preziose (si parla di svariati quintali) alla Corona del Reikland come risarcimento. Prima di partire sposò Ottilia di Vienau, di una nobile famiglia, per quanto minore, nelle grazie dell’Imperatore, così da poter rinsaldare la sua precaria posizione. Nel corso della campagna militare si distinse nella presa di Kratgrad, e di Spelfurt ottenendo il grado di Comandante di Cavalleria. Durante le operazioni sulla catena montuosa dell’Hachingradel si occupò della difesa delle retroguardie dell’esercito scontrandosi duramente contro i Barbari delle Montagne, vittorioso riuscì a razziare decine di villaggi, ottenendo, tuttavia, un magro bottino. Eccezion fatta per Ja’glail Sem Dirierg, detta Glail, una donna bellissima, il cui fascino sorprendente, si dice, mandò alla pazzia gli alti ufficiali imperiali, scatenando una serie di contese fratricide. C’è chi dice, addirittura, che la disfatta di Hachingradel sia stata dovuta alla discordia che la sua apparizione nell’armata avrebbe provocato. L’unico che sembrava immune alla sua bellezza era Sua Grazia il Gran Duca, il quale, durante la disastrosa rotta dell’esercito, pose fine alle inimicizie dei suoi vassalli assegnandola per decreto imperiale come bottino di guerra del Marchese. Di ritorno nelle sue terre, Rutgen non tentò di simulare alcun interesse per la sposa legittima e per suo figlio, Ludwig, deciso a tenerla presso il maniero di Lochrafurt fu fatta, con una mossa spregiudicata e imprevedibile, Connestabile del Tenenberg. Quando nacque il primo figlio di Glail, Naur, e poi Myrica, la situazione divenne insostenibile, la stessa vita di Glail sembrava messa a rischio dagli intrighi di corte, per proteggerla, o per scampare egli stesso dalle trame che gli venivano tese attorne, Rutgen decretò decaduto il suo titolo e la scacciò dal Maniero. Glail morì alcuni anni dopo, in circostanze mai chiarite che fanno parlare di una congiura fomentata da un atavico odio. Il Marchese le fece erigere una elegante cappella funebre, sul corso del Talabec, e c’è chi giuro di averlo visto tutt’ora portare fiori alla sua tomba.

Rutgen Ferdinand Scheibengrofen

The Chronicles of Tempest Haematinon